Storie, profumi e sapori della Calabria Judaica

///Storie, profumi e sapori della Calabria Judaica

Storie, profumi e sapori della Calabria Judaica

2019-07-26T14:32:15+00:0026 Luglio 2019|

Ritorna a Bova, nella sua suggestiva giudecca, la rassegna Calabria Judaica promossa dalla Cooperativa Satyroi di Bova Marina (RC) e finanziata dal Dipartimento Cultura della Regione Calabria, AZIONE 1: Valorizzazione del sistema dei beni culturali e ambientali – Tipologia 1.3 – Eventi innovativi – Annualità 2018 PAC Calabria 2014/2020, Asse 6 Azione 6.7.1. Una serata piena di emozioni, di interventi culturali intensi, come intensi sono stati di sapori e le musiche ebraiche che hanno allietato la serata nell’antico quartiere ebraico bovese.

L’evento, organizzato in collaborazione con la SABAP-RC e l’AIAB Calabria, si è aperto con una visita alla giudecca di Bova, a cura di Chiara Corazziere che ha accompagnato il folto gruppo visitatori tra i vicoli del quartiere ebraico di Pirgoli, un piccolo quanto interessante angolo di Bova, indicato dalle fonti come abitato da una comunità giudaica tra la fine del XV secolo e i primi decenni del secolo successivo. Ad accogliere i fruitori dell’evento il violino di Marco Valabrega e la fisarmonica di Gianluca Casadei, che hanno risuonato, dopo mezzo millennio tra le mura del meraviglioso quartiere di Bova, borgo calabrese, divenuto oramai un simbolo della valorizzazione dei beni cultuali dell’Aspromonte greco e della minoranza storico linguistica grecanica.

video di Felicia Violi
Giudecca, Bova (RC)
25/7/2019

A seguito dei saluti del curatore dell’evento Pasquale Faenza, la serata è proseguita con una masterclass di ricette ebraiche e di vini kosher, organizzata da AIAB Calabria, Associazione Italiana Agricoltura Biologica per la Calabria, che da anni lavora sulla valorizzazione territoriale attraverso la tutela del paesaggio, la promozione del turismo sostenibile e di una agricoltura rispettosa della salute alimentare e dell’ambiente.

Le musiche di Marco Valabrega e Gianluca Casadei hanno continuato ad allietare il resto del serata, intervallata dai versi di Coletta di Amendolea, interpretati da Giosuè Facciolà, del Teatro Proskenion, il quale ha recitato alcune interessanti ballate, connesse al tema dell’ebraismo, del poco noto poeta calabrese, originario di Amendolea, vissuto alla corte di Alfonso d’Aragona nella seconda metà del XV secolo. 

La rassegna Calabria Judaica tornerà, per un ultimo incontro a Bova, il 30 Luglio dalle ore 17:00 alle ore 21:00. Un nuovo ed interessante appuntamento, curato dell’Ass. Culturale “Il Giardino di Morgana” e da Domenico Guarna, che ci racconterà storie e miti concernenti la Calabria ebraica nell’ambito di un trekking urbano e un contest fotografico alla giudecca, a cui seguirà il premio della immagine più suggestiva del quartiere ebraico bovese. L’ultimo evento della rassegna “Calabria Judaica” sarà fruibile mediante un servizio navetta gratuito, con partenza da Reggio Calabria, Piazza G. Garibaldi – stazione ferroviaria.